×
Forfora grassa e secca o pitiriasi, cause e rimedi

Forfora grassa e secca o pitiriasi, cause e rimedi

Anomalie del cuoio capelluto - Tempo di lettura: 7 minuti

Il fastidioso “fioccare” di scaglie bianche dalla nostra testa alle spalle, vale a dire la tanto odiata forfora, può sfortunatamente spesso accompagnarsi, in forme più gravi, a prurito e macchie rosse che si squamano e possono persino sanguinare (anche in seguito a grattamento). Per fortuna, non è impossibile contrastare questo problema.

forforaLa forfora (o pitiriasi) è un’anomalia del cuoio capelluto molto comune che colpisce soprattutto gli uomini in età giovane. Si manifesta con un’abbondante desquamazione della cute dei capelli e la comparsa di piccole scaglie biancastre di pelle, cellule morte il cui ricambio avviene in forma eccessiva.

La forfora è un esempio di anomalia del cuoio capelluto (non contagiosa!) che, oltre a causare un progressivo indebolimento dei capelli e aumentarne la caduta, si manifesta in maniera antiestetica e poco gradevole, creando imbarazzo e alimentando il disagio di chi ne soffre.

Per combattere efficacemente la forfora, e le sue piccole squame attaccate ai capelli, occorre preventivamente distinguere tra le due differenti tipologie in cui si manifesta, a cui corrispondono trattamenti tricologici totalmente distinti per combatterla.

⇧ Torna al sommario

Forfora secca

Legata alla disidratazione del cuoio capelluto, spesso in aumento nei mesi invernali e nei periodi di stress, causa un lieve prurito in testa e leggera caduta dei capelli, ma produce un evidente effetto antiestetico a causa delle squame fini e biancastre che si staccano e si depositano sui vestiti.

⇧ Torna al sommario

Forfora grassa

Legata a forme di seborrea, si manifesta con squame spesse e giallastre che restano attaccate al cuoio capelluto. Rende i capelli unti e oleosi, produce un forte prurito alla testa e un’intensa caduta di capelli.

⇧ Torna al sommario

Le possibili cause della forfora

A causare il fenomeno della forfora possono intervenire, anche contemporaneamente, diversi fattori:

  • presenza di microorganismi, il più comune è il fungo Malassezia furfur (o Pityrospum Ovale), che si nutre del sebo;
  • una cattiva alimentazione (troppo ricca di grassi e fritti, cioccolato, nocciole, oltre che di alcol);
  • stress emotivi;
  • pelle secca o grassa;
  • fattori climatici, clima freddo e umido;
  • psoriasi del cuoio capelluto;
  • dermatite seborroica del cuoio capelluto;
  • prodotti per l’igiene quotidiana troppo aggressivi e alcalini

⇧ Torna al sommario

Come si forma la forfora

forfora uomoSia la forfora secca che quella grassa possono derivare da diverse cause. È importante distinguere tra:

  • forfora fisiologica;
  • forfora occasionale;
  • forfora patologica;

Forfora fisiologica

La forfora fisiologica è il risultato del normale processo di desquamazione dello strato corneo dell’epidermide dove le cellule proliferano e maturano attraverso una serie di strati fino a raggiungere il più esterno, lo strato corneo.

Questo processo è influenzato da diversi fattori esterni, tra cui l’eccessiva secchezza dell’aria, l’uso di shampoo aggressivi, nonché le azioni di pettinatura e spazzolatura. In risposta a tali stimoli, la pelle, a livello dello strato corneo, si desquama naturalmente, producendo la forfora fisiologica..

La desquamazione fisiologica è generalmente poco evidente e non causa significativa perdita di capelli, poiché le particelle cornee che si distaccano sono di dimensioni ridotte e di scarsa rilevanza.

Forfora occasionale

La forfora occasionale può derivare da tre tipi di cause esterne:

  • Microrganismi, che includono infezioni cutanee.
  • Trattamenti igienici errati, come l’uso di prodotti inappropriati per la cura dei capelli o la frequenza eccessiva dei lavaggi.
  • Trattamenti meccanici aggressivi, quali pettinature vigorose o spazzolature eccessivamente frequenti e intense.

Forfora causata da microrganismi patogeni

Tra i microrganismi responsabili della forfora occasionale, il Pityrosporum ovale di Malassez, noto anche come Malassezia, è un fungo parassita che colonizza lo strato corneo dell’epidermide. La micosi causata da Malassezia provoca sintomi quali prurito intenso e la presenza di abbondante pitiriasi. Esistono diverse specie di Malassezia, tra cui Malassezia furfur, restricta, obtusa e globosa, e recenti studi scientifici hanno dimostrato che ciascuna specie è associata a specifiche regioni geografiche del mondo. Ad esempio, negli Stati Uniti e in Giappone, le specie più diffuse sono Malassezia globosa e restricta.

Altri microrganismi che colonizzano la forfora, trovandovi un ambiente nutriente ideale, includono:

  • Staphylococcus aureus
  • Staphylococcus albus
  • Coccus polymorphus di Cederkreutz.

Questi batteri possono provocare un’infiammazione cutanea accompagnata dalla produzione di un siero che si mescola alle squame di forfora, formando una sorta di melma che può essere facilmente scambiata per seborrea.

Forfora causata da trattamenti igienici errati

I trattamenti igienici inappropriati, spesso implicati in diversi disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, includono:

  • L’uso di shampoo troppo essiccanti: Il lavaggio dei capelli con shampoo molto alcalini o eccessivamente sgrassanti può ridurre eccessivamente il sebo cutaneo, causando la compromissione della protezione naturale dello strato epidermico. Ciò può portare alla disgregazione dello strato corneo e alla formazione di forfora.
  • L’applicazione di lozioni troppo alcoliche: L’alcol ha un’azione disidratante e essiccante sulla cheratina, una proteina fondamentale per la struttura dei capelli. L’uso frequente di lozioni contenenti elevate concentrazioni di alcol può provocare la desquamazione dello strato corneo, contribuendo alla comparsa della forfora.
  • Abuso di sostanze alcaline: Alcune sostanze alcaline hanno proprietà cheratolitiche, ovvero possono causare la disgregazione delle proteine cheratiniche. Un utilizzo eccessivo di sostanze alcaline, riducenti o ossidanti, può portare alla formazione di squame caratteristiche della forfora.
  • L’esposizione a fonti di calore secco, come phon o caschi con aria surriscaldata: Il calore eccessivamente secco tende a disidratare la cheratina, rendendola fragile e suscettibile alla desquamazione. Questo effetto può essere accentuato se lo strato corneo è stato precedentemente idratato durante il lavaggio dei capelli.

Forfora causata da trattamenti meccanici aggressivi

L’esposizione del cuoio capelluto a sollecitazioni meccaniche, come graffi con le unghie, l’utilizzo di spazzole o pettini, può causare lesioni di natura abrasiva ed escoriante.

Queste lesioni possono generare infiammazioni localizzate nella cute, seguite da desquamazione e formazione di forfora. Attraverso tali lesioni, microrganismi patogeni come batteri e miceti possono penetrare, contribuendo alla comparsa di forfora. In alcuni casi, la forfora è associata a un’eccessiva secrezione sebacea, determinando un’adesione delle squame di forfora al sebo presente in abbondanza sul cuoio capelluto.

Questo fenomeno è noto come pitiriasi steatoide.

Forfora patologica

La forfora patologica si manifesta quando vi è un’evidente distacco anomalo delle cellule epiteliali e uno sfaldamento irregolare dello strato corneo del cuoio capelluto. I fattori che contribuiscono alla formazione sia della forfora secca che di quella grassa sono diversi e spesso correlati a processi quali:

  • Insufficienze epatiche, che possono derivare da disfunzioni del fegato.
  • Disturbi del metabolismo, inclusi squilibri nutrizionali nella dieta e nell’eliminazione delle scorie metaboliche.
  • Disordini circolatori, che interessano sia la circolazione linfatica che quella sanguigna.
  • Fattori vitaminici, che comprendono condizioni come avitaminosi (mancanza di vitamine), ipovitaminosi (carenze vitaminiche), ipervitaminosi (eccesso di vitamine) e disvitaminosi (inefficiente utilizzo delle vitamine da parte dell’organismo).

Cause forfora patologica

forfora seccaLe principali cause della formazione di forfora patologica, che agiscono sul cuoio capelluto, derivano dall’alterazione del complesso biologico idro-lipidico-proteico e comprendono:

  • Iperidrosi: un’eccessiva sudorazione che porta a un accumulo di acqua in superficie.
  • Disidrosi: una ridotta sudorazione che provoca una scarsa presenza di acqua in superficie.
  • Seborrea: un elevato livello di produzione di sebo che determina un’eccessiva presenza di grassi in superficie.
  • Asteatosi: una carenza di produzione di sebo che si traduce in una ridotta presenza di grassi in superficie.
  • Ipertrofia: un’eccessiva produzione di sostanze proteiche.
  • Atrofia: una carenza di produzione di sostanze proteiche.
Forfora da iperidrosi

La forfora causata da iperidrosi, che comporta un aumento dell’umidità in superficie, è spesso associata a condizioni cutanee come la psoriasi, l’eczema e l’acne. Queste condizioni modificano il pH alcalino della cute del cuoio capelluto, favorendo la formazione di forfora.

Forfora da disidrosi

La forfora causata da disidrosi, caratterizzata da una ridotta presenza di acqua in superficie a causa di un difetto di sudorazione, porta a un’aridità e disidratazione del cuoio capelluto, con conseguente desquamazione e produzione di forfora secca.

Forfora da Seborrea

La forfora causata da seborrea, caratterizzata da un’eccessiva produzione di sebo che ammorbidisce lo strato corneo dell’epidermide, è responsabile di un’accelerata desquamazione. Nei casi di forfora eccessivamente grassa, gli interventi con prodotti antiforfora spesso risultano inefficaci poiché agiscono sul sintomo anziché sulla causa sottostante. In questi casi, trattamenti mirati con prodotti anti-seborroici possono fornire risultati più soddisfacenti.

Forfora da Asteatosi

La carenza di lipidi sulla cute, spesso derivante da iposecrezione sebacea, conduce frequentemente alla secchezza della cute del cuoio capelluto e alla formazione di forfora secca.

Forfora da Ipertrofia

Le proteine sono molecole complesse coinvolte nella formazione strutturale delle cellule. Assunte tramite l’alimentazione e trasportate attraverso il flusso sanguigno, forniscono anche nutrimento ai capelli. In caso di ipertrofia, le cellule germinali vengono sovra-alimentate e il processo di mitosi, che comporta la proliferazione cellulare, provoca un ispessimento della cute e un fenomeno noto come ipercheratosi. Questo porta alla desquamazione delle cellule e alla formazione delle squame di forfora.

Forfora da Atrofia

Se le cellule germinali dei capelli non ricevono un adeguato nutrimento, il processo di mitosi rallenta e la scarsa proliferazione cellulare riduce lo spessore dello strato corneo della cute. Questo indebolimento, associato all’azione di agenti esterni come trattamenti cosmetici, esposizione solare, inquinamento, ecc., causa una facile desquamazione della cute e la formazione di forfora.

Forfora da Distrofia

Se le cellule germinali non vengono sufficientemente nutrite tramite una dieta equilibrata che fornisca tutte le principali sostanze nutritive, può verificarsi una distrofia cellulare, accelerando il ricambio cellulare e producendo una quantità eccessiva di forfora.

⇧ Torna al sommario

Check-up gratuito dei capelli: perché è importante

Come abbiamo appena visto, per contrastare efficacemente la forfora è indispensabile distinguere il tipo di problema e, conseguentemente, scegliere i trattamenti più adatti. Per fare questo, nel centro tricologico di Lugano e Milano sottoponiamo tutti i nostri clienti a un check-up gratuito e non impegnativo dei capelli con uno degli Hair Specialist Revalhair.

Al termine del check-up, e dopo un colloquio con gli esperti Revalhair, sarà possibile scegliere il percorso di trattamento più appropriato per porre rimedio alla problematica della forfora.

Domande frequenti su Forfora

Per quale motivo esce la forfora?

A causa dell'uso di prodotti errati, cattiva alimentazione, psoriasi, dermatite seborroica, condizioni climatiche e microorganismi come la Malassezia Furfur

Come si fa a togliere la forfora?

La forfora si elimina con l'uso di shampoo appositi, consigliati da un esperto tricologo

Cosa succede se non si cura la forfora?

In alcuni casi potrebbe aumentare la sensazione di prurito con conseguente irritazione e lacerazione dell'epidermide a seguito di continuo grattarsi della cute

Quante volte bisogna lavare i capelli con forfora?

Nel caso di forfora secca due/tre volte alla settimana. Nel caso di forfora grassa bisogna aumentare la frequenza dei lavaggi ma sempre con appositi trattamenti.

Quanto dura la forfora?

Normalmente circa un mese, ma se così non è conviene approfondire il problema grazie ad un check-up dei capelli approfondito

Cosa non mangiare per la forfora?

Tutti gli alimenti che infiammano l'organismo come carboidrati semplici, zuccheri, grassi e fritti

Come capire se è forfora o desquamazione?

La forfora è la desquamazione del cuoio capelluto

Come faccio a capire che tipo di forfora ho?

Forfora secca: squame bianche e secche. Forfora grassa: squame gialle o biancastre che rimangono attaccate al cuoio capelluto o ai capelli

Prenota ora il tuo check-up dei capelli

consulente revalhair

Siamo a tua disposizione per offrirti una consulenza su misura, per capire le aspettative che hai per i tuoi capelli e scegliere i trattamenti più adatti alla tua capigliatura.

Dove vuoi effettuare il check-up?
Accetti la privacy *
Accetti la privacy *

Potrebbe interessarti

trattamenti correttivi

I trattamenti tricologici correttivi per i capelli

Quando hai delle preoccupazioni per lo stato di salute della tua chioma non aspettare! Il fattore tempo è molto importante per combattere m [...]

leggi tutto

prurito cuoio capelluto

Il prurito al cuoio capelluto

Soffri di un terribile prurito alla testa e ti senti frustrato per non riuscire a risolverlo? Individuare le possibili cause del prurito all [...]

leggi tutto

Scopri di più
sul tuo
problema

Servizi Personalizzati

I servizi offerti da Reval Hair sono studiati per rispondere alle richieste di uomini e donne esigenti. Chi si affida al nostro centro tricologico trova rimedi efficaci e soluzioni personalizzate.


consulente revalhair

Desideri maggiori informazioni?

Chiama ora e parla con un nostro consulente per ricevere tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Check-up gratuito dei capelli
To top